venerdì 31 ottobre 2014

Domenica in città, ritornano i brunch autunnali - Capra e Cavoli - Milano

Domenica di fine ottobre a Milano, sole, cielo terso e un leggero freschetto... vuoi che sia finalmente arrivato l'autunno?! Nel dubbio, ultimamente esco vestita a strati che nemmeno una matrioska... Una cosa è certa però: è ricominciata la stagione in cui mi piace godermi dei rilassanti weekend cittadini, tra palestra, un buon libro sul divano, mostre, musei, cenette tranquille e...l'immancabile brunch domenicale con gli amici!

Lo so, lo so, avevo detto di essermi trasferita a Firenze, ed è così; ma fino a dicembre la mia nuova casetta non sarà pronta e, dopo quattro sere a settimana rinchiusa in residence a prendere confidenza con nuovi file di lavoro (e nel frattempo riscoprire un palinsesto televisivo di cui prima ignoravo l'esistenza), la tentazione di tornarmene in quella milanese durante il weekend è troppo forte...ok al cambiamento di vita, ma almeno che sia graduale!

E così domenica scorsa mi sono ritrovata a raccontare alle amiche, entusiasta, la prima settimana del nuovo lavoro tra le piante e gli ombrelloni di Capra e Cavoli, in zona Isola. Piante?! Ombrelloni?! Ma non avevamo detto che era autunno? Eh sì, la particolarità del locale è proprio questa: è arredato come se fosse un giardino esterno, ma si trova all'interno, al primo piano di un normalissimo edificio residenziale. "Loft Giardino" lo definiscono.


E l'ambiente è davvero allegro e accogliente: tra divanoni, sedie colorate, tavole imbandite, con servizio totalmente a buffet, ti senti davvero a casa tua e vorresti trascorrerci tutto il pomeriggio, tra una chiacchiera e l'altra, un infuso allo zenzero e un caffé americano.

E' sull'appena citato buffet, però, che vorrei soffermarmi. Piatti salati caldi e freddi, tutti, rispettando il menù del ristorante, rigorosamente vegetariani (oddio, ho intravisto un pollo al curry, sarà stata la classica eccezione che conferma la regola..): risotto, spaghetti di soia, insalate varie, paté di ceci, carpacci di verdure, arrosto vegetariano, polentina, finocchi gratinati e le più classiche uova strapazzate con bacon. E poi ancora torte, pancakes, marmellate, yogurt e frutta. Caffè americano, succhi, infuso allo zenzero. C'è di tutto per servirsi e saziarsi, questo senza dubbio. 
Stento però a dare un voto superiore al 6: soprattutto in un buffet, sono un'amante dei piatti ben presentati e della varietà; e qui, ecco, si sarebbe potuto fare qualcosa di meglio (giusto per fare qualche esempio: quattro piatti caldi in croce e quasi terminati, cinque dolci al cioccolato quasi identici tra loro e nessun dolce al cucchiaio...). Insomma, per farla breve, un buffet davanti al quale non sono andata totalmente in tilt, dimenticando qualsiasi dieta: ho mangiato bene, leggero, il giusto, ma ho visto buffet migliori (considerando che comunque abbiamo speso 25€...). Questo va detto.

Resta però l'impagabile atmosfera allegra, rilassante, cozy come si direbbe a Londra: ti sembra davvero di stare nel tuo salotto privato, anzi nel tuo giardino.

Ed io nel "mio" loft giardino vorrei provare a tornarci anche in altri orari per farmi un'oppinione completa testando anche l'apericena ed una più classica cena. Nell'attesa di ritrovarmi in zona, nel mio andirivieni Firenze-Milano, se qualcuno ci va prima di me e ha qualche commento da condividere, more than welcome! ;-)





















Dove, come e quando:
Capra e Cavoli
Via Pastrengo 18 (zona Isola), Milano
Tel 02- 87066093

Brunch: sab-dom 11.00-15.00
Apericena: mar-sab 18.00-22.30 // Cena: mar-sab 19.30-24-00
www.capraecavolimilano.it